Realizzazione, Posa in Opera Rete in Fibra Ottica FTTH (Fiber To The Home) Venezia

Progetto Collegamento Open Fiber Canale della Giudecca – Venezia


Ad aprile 2017 Ruspal srl si arricchisce di una nuova esperienza lavorativa.
Quest’anno infatti è stato commissionato un importante lavoro da parte di Sielte e Open Fiber, che prevedeva l’esecuzione dell’attraversamento necessario per il collegamento in fibra da Venezia all’isola della Giudecca.
Oggi tutta la rete in fibra ottica presente a Venezia è alimentata ed ha inizio dal Pop (Point of Presence) Open Fiber presente nell’isola della Giudecca, grazie alle tubazioni passate da Ruspal srl nel territorio in questione.

Si è trattato di un cantiere con non poche difficoltà, dalla presenza di una grande distesa d’acqua, alla lotta contro il tempo per eseguire l’attraversamento nel minor tempo possibile, al rispetto delle normative vigenti per i lavori in zone salvaguardate come appunto Venezia.

Per entrare nel dettaglio il progetto consisteva nel creare un’infrastruttura che collegasse la terra ferma all’isola della Giudecca grazie al passaggio tramite perforazione no-dig di quattro tubazioni, al di sotto della laguna di Venezia per una lunghezza di ben 400 mt, arrivando ad una profondità di circa 27 mt.

La lavorazione ha avuto inizio nell’area di San Basilio di Venezia; nei pressi dell’università Santa Maria – Cà Foscari è stata infatti realizzata la buca di inizio della perforazione pilota, buca necessaria quindi per l’inserimento delle aste che creeranno l’infrastruttura per il passaggio delle tubazioni.
Una volta completata la perforazione, è sta poi trainata a ritroso grazie all’apposita testa di tiro assemblata all’asta d’uscita la tubazione prevista da progetto.

Il punto d’uscita delle aste era stato invece individuato nei pressi della area di Sacca Fisola sull’isola della Giudecca.
E’ stato possibile eseguire una tale lavorazione grazie anche all’utilizzo del sistema di monitoraggio via cavo, che prevedeva il fissaggio di un ulteriore cavo alle tubazioni passanti nel sottosuolo, il quale creando un campo magnetico, rendeva possibile dalla terra ferma il monitoraggio e il controllo dell’andamento della perforazione.
Sul cantiere è stata anche impegnata una macchina operatrice dalle grandi dimensioni e capacità e per completare la tratta richiesta dal committente sono state impiegate ben 85 aste.

Il personale impiegato in una lavorazione così delicata,  altamente qualificato. Le risorse impiegate per poter lavorare in massima sicurezza oltre ad essere possessori delle formazioni previste dalla legge ad avere ove necessario patentini per l’utilizzo delle macchine operatrici hanno anche conseguito formazioni in materia elettrica, tramite i corsi previsti dalla normativa CEI EN 50110 – CEI 11/27.

Ruspal srl ha dimostrato ancora una volta, portando a termine in modo eccellente anche quest’ultimo importante lavoro, la propria professionalità e competenza, valori alla base di questa grande azienda in continua evoluzione.